Ripartizione spese acqua condominio

L'acqua è un bene prezioso,

non sprecarla, gestiscila.

Contatori d'acqua

con telelettura

La ripartizione spese dell’acqua condominiale ti stressa? Siamo qui per aiutarti.

Dal condomino impegnato ad un utilizzo oculato di acqua senza vedere premiati i propri sforzi, all’amministratore afflitto dalle liti condominiali, il momento della bollettazione spese dell’acqua è  per molti un motivo di affanno e malcontento.

Prima di voltare le spalle alla natura e dichiarare guerra al condominio, scopri come potresti risolvere la questione “ripartizione delle spese d’acqua in condominio”.

Ripartizioni spese acqua sanitaria: tutto quello che c’è da sapere.

Se vivi in un condominio, una spesa non proporzionale ai consumi può spesso dipendere da una cattiva gestione combinata ad uno scorretto metodo di ripartizione spese acqua sanitaria tra i vari condomini.

Come molti amministratori sanno, la ripartizione delle spese dell’acqua sanitaria è spesso causa di liti e malcontenti condominiali.

Questo capita frequentemente nei condomini dove la gestione dei costi dell’acqua è affidata a criteri di ripartizione spese errati e approssimativi.

In Italia, nonostante il prezzo dell’oro blu si stia alzando di anno in anno persiste l’utilizzo di metodologie di ripartizione spese totalmente scorrette e obsolete:


Ripartizione spese dell’acqua in base al numero delle abitazioni

Con questa metodologia i costi dell’acqua si dividono tenendo conto del numero degli alloggi presenti nello stabile. Vien da sé capire quanto questa metodologia sia assurda (un’abitazione di cinque persone consuma molta più acqua di una abitata solo da due). Fortunatamente questa metodologia sta andando pian piano a sparire.

Ripartizione spese dell’acqua in base al numero dei condomini

Alcuni stabili hanno un solo contatore acqua condominiale. In questo caso la spesa complessiva viene suddivisa il base al numero degli abitanti del condominio.

Quella che potrebbe sembrare la soluzione più logica non tiene conto del fatto che un bambino non consuma la stessa quantità d’acqua di un adulto e che spesso negli stabili sono presenti appartamenti disabitati.

 

Ripartizione spese dell’acqua tramite l’utilizzo dei contatori d’acqua

 

La contabilizzazione dell’acqua elaborata tramite i contatori acqua (detti anche “di sottrazione”) è l’unico caso in cui si può eseguire una ripartizione delle spese dell’acqua accurata che tenga conto dell’effettivo consumo di ogni appartamento nell’ottica del “paghi quanto consumi”.

L'installazione in ogni singola unità immobiliare di un apposito contatore d’acqua consente, da un lato, di utilizzare la lettura di esso come dato certo per l'imputazione dei costi e di fare ricorso ai millesimi di proprietà per il consumo dell'acqua consumata dalle parti comuni dell’edificio.


Nel tuo condominio non sono presenti i contatori d’acqua per appartamento?

Se vivi in uno stabile di recente ristrutturazione, sarai già dotato del contatore di sottrazione.

Questo, infatti, con il decreto ministeriale del 4 marzo 1996 è diventato obbligatorio per legge.

Se invece il condominio non ne fosse ancora provvisto, potrà esser messo ai voti in assemblea condominiale e, se non si dovesse ricevere riscontro positivo, potrà essere fatta richiesta al giudice di pace.

 

 

 

Il contatore d’acqua è obbligatorio?

La risposta è si. La sentenza numero 17557 in materia di ripartizione spese dell’acqua cita:

“Le spese relative al consumo dell’acqua devono essere ripartite in base all’effettivo consumo se questo è rilevabile oggettivamente con strumentazioni tecniche”.

Il decreto fa riferimento ai contatori d’ acqua sanitaria, conosciuti anche come contatori di sottrazione prosegue:

l’installazione in ogni singola unità immobiliare di un apposito contatore consente, da un lato, di utilizzare la lettura di esso come base certa per l’addebito dei costi, salvo il ricorso ai millesimi di proprietà per il consumo dell’acqua che serve per le parti comuni dell’edificio”.


Cosa stabilisce il nuovo decreto legislativo 102/14?

La direttiva europea 2012/27 impone che ogni immobile che fa parte di un condominio debba munirsi di contatori di calore e acqua calda per misurare il consumo individuale, in modo da effettuare la contabilizzazione e la fatturazione per ciascuna unità immobiliare.

L’Italia ha recepito questa direttiva con il decreto legislativo 102/14 e la norma tecnica UNI 10200:2015, che rendono obbligatoria l’installazione di sistemi di contabilizzazione e termoregolazione in tutti i condomini con impianto centralizzato.


I contatori d’acqua sono quindi la soluzione alle liti e gli scontenti condominiali?

Dipende. Sono molti gli stabili dove vengono utilizzati i contatori d’acqua e nonostante tutto le spese sono approssimative e la gestione dell’acqua latente.

Questo accade principalmente per i seguenti motivi:

  • I contatori d’acqua presenti nello stabile  datati e alcuni di questi illeggibili a causa del calcare
  • Uno o più contatori non funziona e non viene sostituito da anni
  • La lettura dei contatori viene ancora eseguita in maniera manuale tramite letturista incaricato che non spesso non riesce a trovare tutti i condomini presenti per la lettura del dato.
  • La lettura del dato viene eseguita dal condomino stesso che la espone sulla porta al passaggio indicato dal letturista con il rischio di condomini che scrivono un valore non corrispondente alla realtà.

Contatori d’acqua con telelettura: come rendere smart la gestione spese dell’acqua condominiale.

Installare contatori d'acqua con telelettura di nuova generazione come i nostri contatori della famiglia CSU/FSU è la soluzione ideale per gestire l'acqua condominiale.

Grazie all'interfaccia radio i consumi potranno essere rilevati a distanza senza bisogno di accedere agli appartamenti.

Scopri di più cliccando qui

Installando il nostro sistema di lettura Web Metis nello stabile inoltre si potrà integrare le letture dei contatori d'acqua sanitaria con le letture dei Contabilizzatori / contatori di calore  e i misuratori di energia presenti in centrale termica rendendo il controllo dei consumi delle spese condominiali più immediato, sicuro e puntuale.


 
 
 
 
Prodotti
Ripartitori di calore
Ripartitori di calore: la contabilizzazione in impianti centralizzati
Approfondisci
Valvole termostatiche
La termoregolazione del calore con valvole termostatiche
Approfondisci
Contatori di calore
Gamma di contatori per soddisfare le esigenze di ogni impianto
Approfondisci
Moduli utente Modus
Moduli utente pre-assemblati
Approfondisci
Contatori d'acqua sanitaria
Contatori d'acqua sanitaria per la contabilizzazione e la lettura a distanza dei consumi
Approfondisci
Sistemi di regolazione e Telecontrollo
Controllo centralizzato impianti = Servizio e Risparmio
Approfondisci

Contattaci adesso!

Tutti i campi segnati con un asterisco (*) sono obbligatori

 
Accetto
 
Non accetto

Copyrights ©2015:     ULTERIA S.r.l. Via Verdi, 1 CERNUSCO LOMBARDONE (Lecco) +39 (039) 9285651 - P.iva 02534020132 info@ulteria.it - AC* digital studio & lab