Come si risparmia l'acqua sanitaria?

L'acqua è un bene prezioso,

non sprecarla, gestiscila.

Contatori d'acqua

con telelettura

Risparmiare l'acqua si può, se sai come farlo.

Come si risparmia l’acqua in casa?


Basta ricordarsi di applicare delle semplici regole che permetteranno a tutti di ottenere una notevole riduzione dei consumi d’acqua: riduttori di flusso ad ogni rubinetto, farsi la barba con una bacinella d’acqua accanto, lavare l’auto con un secchio e non con la canna dell’acqua sono alcune di queste regole d'oro.

Il dibattito sul “giusto” prezzo dell’acqua porta con sé la riflessione riguardante lo spreco dell’oro blu.

L’Italia è sempre stata caratterizzata da un basso costo di questa preziosa risorsa e di conseguenza la spinta verso investimenti o campagne per ridurre perdite di rete e consumi è stata spesso trascurata.

Negli ultimi anni però i costi dell’acqua sono lievitati,  situazione aggravata da una ripartizione delle spese acqua sanitaria approssimativa, perdite e sprechi d’acqua trascurati, utilizzo di contatori acqua datati e dall’accuratezza dubbia.

Fortunatamente risparmiare l'acqua si può. Basta utilizzare questo bene prezioso in maniera intelligente.

Per risparmiare l'acqua in casa si parte dai semplici gesti quotidiani.

Per non pagare bollette salate, bisogna essere consapevoli di quanta acqua si consuma.

Ogni giorno si utilizzano dai 20 ai 40 litri per una doccia di 5 minuti e dai 100 ai 160 litri per un bagno nella vasca; dai 9 ai 16 litri ogni volta che tiriamo lo sciacquone, 5 litri quando ci laviamo i denti ( che possono arrivare fino a 20 se si lascia aperto il rubinetto), 40 litri per lavare i piatti a mano e dai 400 ai 500 litri per lavare la macchina in casa. Sono quantità di cui non ci si rende conto, vediamo assieme come ridurre questi enormi consumi.

La ripartizione delle spese d'acqua sanitaria


Prima di stilare una lista di consigli su come risparmiare l’acqua è necessario fare una premessa.

Tutte le accortezze al fine di risparmiare acqua nella propria abitazione, per ottenere risultati concreti, devono essere abbinate a:

  • Strumenti di misurazione acqua sempre piu’ precisi
  • Un'azienda che eroghi un servizio di lettura e ripartizione spese consumi acqua sanitaria affidabile e puntuale

 

I nostri 13 Consigli su come risparmiare l’acqua:

Scegliete la doccia invece del bagno 

In media, riempire la vasca da bagno comporta un consumo d'acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia. Lavarsi sotto la doccia fa risparmiare 1.200 litri d’acqua all’anno. In generale per ridurre i consumi in bagno, è buona regola tenere aperto il rubinetto solo per il tempo necessario. 

 

Raffresca l'acqua potabile in frigorifero

Invece di far scorrere in abbondanza l’acqua potabile (soprattutto d’estate) da bere e dunque sprecarla inutilmente, per averla fresca, tenetene sempre una bottiglia in frigo.

Evitate i lavaggi dei capi a temperature molto elevate

Ad esempio, per quanto riguarda i capi da lavare in lavatrice, le temperature intorno ai 50-60 gradi sono più che sufficienti e fanno durare di più i tessuti.


Optate ove possibile l'utilizzo di elettrodomestici di classe A+

Progettati per ridurre il consumo di acqua. Il prezzo d’acquisto forse sarà più alto ma il vantaggio in termini di risparmio energetico e durata ripagherà la cifra spesa.

Evitate l'uso del trita rifiuti o dissipatore rifiuti da lavello

Infatti questo per funzionare correttamente richiede l’uso di molta acqua e inoltre aumenta notevolmente il volume dei rifiuti negli scarichi, il che oltre a problemi di manutenzione porta ad enormi problemi ambientali. Per ridurre i rifiuti organici in modo consapevole ed eco-sostenibile meglio optare per il compost domestico

Per stirare, optate per il ferro a vapore con il serbatoio ad acqua

Permette di rinunciare ai vari additivi e appretti per lo stiro, che inquinano e di cui si può fare a meno.

Effettuate i lavaggi in lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico

Mettere in moto lavatrice o lavastoviglie a pieno carico fa risparmiare tra gli 8.000 e gli 11.000 litri di acqua potabile all’anno. Eseguire i lavaggi durante le ore serali, nei giorni festivi, a basse temperature e optate per il lavaggio “eco” o rapido. Ricordandosi di pulire periodicamente il filtro dell’elettrodomestico. Presta attenzione anche alla quantità di detersivo utilizzato: lavatrici e lavastoviglie di buona qualità funzionano perfettamente anche solo con la metà della dose indicata nelle confezioni.

Non usate il WC come pattumiera

Il WC non è un posacenere! Ogni volta che buttate mozziconi di sigaretta, carta igienica non biodegradabile, fazzoletti di carta o altra spazzatura nel water, vengono sprecati di norma dai 5 ai 7 lt di acqua per il deflusso totale.

 

Lavate piatti, frutta e verdura in una bacinella 

Usate l’acqua corrente solo per il risciacquo. Riutilizzate l’acqua adoperata per lavare le verdure per Innaffiare le piante o il giardino e innaffia di sera: dopo il tramonto l’acqua evapora più lentamente.

 

 Chiudete sempre l’acqua mentre vi lavate i denti

Ancora meglio è bagnare lo spazzolino e riempire un bicchiere d’acqua per il risciacquo della bocca.

 

Evitate il lavaggio a mano dei piatti

Ma se proprio dovete, almeno non lasciate scorrere l’acqua in abbondanza mentre li insaponate. Usate detersivi ecologici o ancor meglio detersivi fai da te.


 In bagno, scegliete uno sciacquone con lo scarico differenziato e doppio pulsante

Regolano l’intensità dei flussi di acqua per ogni scarico. Uno scarico giornaliero per 4-5 volte al giorno consuma circa 600 litri di acqua, che diventano 240 litri in una famiglia di quattro persone. Con i modelli a doppio pulsante questi consumi si dimezzano.

Fate la barba in maniera intelligente

Quando fate la barba riempite il lavandino con un paio di centimetri d’acqua e risciacquatevi dentro il rasoio. Non è necessario passarlo ogni volta sotto il getto dell’acqua corrente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Costi dell'acqua in Italia, ecco dove si spende di più.

 

Quali sono le regioni in cui l’acqua costa di più in Italia?


A seconda della regione italiana in cui si abita i costi dell’acqua possono avere variazioni di costo enormi.

Aggiornato al 30 Marzo 2016, In Italia, le regioni in cui l’acqua costa di più sono quelle centrali, si caratterizzano per tariffe più alte (511 euro annuali) e un maggior incremento rispetto al 2014 (468 euro, +9,2%).

Il servizio idrico più costoso d'Italia se lo aggiudica la Toscana.

Seguono l’area settentrionale (+5,1%) e la meridionale (+3,2%). A livello regionale, le tariffe piu’ elevate si riscontrano, nell’ordine, in Toscana, Marche, Umbria, Emilia-Romagna e Puglia.

E le città con l’acqua sanitaria più cara?


Fra i capoluoghi di provincia, le citta’ piu’ care si confermano appunto le toscane: Grosseto e Siena, con 663 euro, si prendono il posto occupato nel 2014 da Firenze, seguono poi Livorno (628), Pisa (621) e Carrara (609).

Sulla dispersione idrica, l’Emilia-Romagna registra un risultato migliore rispetto alla media nazionale: 26% contro 33%. Piacenza appare la citta’ piu’ virtuosa, con solo l’8% di acqua sprecata, mentre nella vicina Parma si sale al 39%.

Restando in Emilia-Romagna, la classifica dell’acqua più cara recita, dopo Ravenna (+5,9% tra 2014 e 2015), Forlì (+6,7%) e Cesena (+6,5%) a quota 509 euro, Ferrara a 501 (+6,4%), Reggio a 490 (+3,8%), Parma a 479 (+6,7%), Rimini a 429 (+7%), Modena a 411 (+3,5%), Piacenza a 380 (6,4%), Bologna a 373 (appunto -4,1%).

La classifica regionale della dispersione, inoltre, nel 2014 piazza tra i territori piu’ virtuosi, dopo Piacenza, Reggio Emilia al 18%, Forlì al 21%, Ravenna al 22%, Rimini al 25%, Bologna al 28%, Modena al 36%, Ferrara al 38%, Parma al 39%.

 

Come accorgersi di una perdita d’acqua dal WC o da un rubinetto della propria abitazione?

Una corretta manutenzione dei rubinetti di casa fa risparmiare acqua e denaro.

Purtroppo le perdite e le dispersioni d’acqua sono piuttosto comuni, soprattutto nei condomini e le abitazioni datate, è quindi consigliato di controllare periodicamente che tutti i rubinetti e i tubi della vostra casa non abbiano perdite.  

Come si tengono sotto controllo le perdite d’acqua domestica?

Il metodo più accurato per la verifica delle perdite è avere un sistema di misurazione composto da contatori d’acqua sanitaria con lettura via radio in grado di monitorare i consumi e un contatore d’acqua generale dotato di segnale allarmi di eventuali perdite.

Mentre nella propria abitazione si possono eseguire le seguenti prove:

  • Controllate periodicamente che non ci siano perdite nel WC. Controllo semplice da fare anche da soli è quello di versare nella cassetta del water, la sera prima di andare a dormire, una boccetta di colorante alimentare (non tossico e di facile smaltimento). Nel caso di perdita d’acqua anche lieve, le pareti del water o l'acqua sul fondo segnalerà ne segnalerà la presenza.
 
  • L’altra soluzione è quella di leggere il contatore dell’acqua ad esempio prima di andare a dormire la sera e una volta svegli la mattina. Se il contatore non riporta la stessa cifra, si ha davanti la prova della presenza di una perdita. Controllare periodicamente il contatore dell’acqua consente di assicurarsi che questo sia ancora correttamente funzionante.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Servizi
Prodotti
Ripartitori di calore
Ripartitori di calore: la contabilizzazione in impianti centralizzati
Approfondisci
Valvole termostatiche
La termoregolazione del calore con valvole termostatiche
Approfondisci
Contatori di calore
Gamma di contatori per soddisfare le esigenze di ogni impianto
Approfondisci
Moduli utente Modus
Moduli utente pre-assemblati
Approfondisci
Contatori d'acqua sanitaria
Contatori d'acqua sanitaria per la contabilizzazione e la lettura a distanza dei consumi
Approfondisci
Sistemi di regolazione e Telecontrollo
Controllo centralizzato impianti = Servizio e Risparmio
Approfondisci

Copyrights ©2015:     ULTERIA S.r.l. Via Verdi, 1 CERNUSCO LOMBARDONE (Lecco) +39 (039) 9285651 - P.iva 02534020132 info@ulteria.it - AC* digital studio & lab